testo NEL CIELO SIA

NEL CIELO SIA

Liberamente ispirata a “Quasi Grazia” di Marcello Fois

(Giulio Einaudi Editore, Torino, 2016)

(N.Pisu/N.Pisu)

 

Vedi, se non sai niente

non hai bisogno di niente

io maledico il giorno

che mi hanno insegnato

a leggere e fare di conto

a leggere e fare di conto

Le cose c’hanno un senso

cosa c’entra la verità

si fanno nel tempo loro

ma a te basta un sasso

e lo trasformi in montagna

e lo trasformi in montagna

E babbu, babbu

con le anime sia

e tu, figlia mia

che te ne vai via

Qui nemmeno i debiti

uno si tiene a casa sua

ma se la gente parla

un motivo ci sarà

te ne parti per non restare

te ne parti per non tornare

Capirai la differenza

che c’è tra desiderare

la felicità altrui

ed essere felici

ma dilla tu l’ultima parola

avanti, dilla tu l’ultima parola

E babbu, babbu

con le anime sia

e tu, figlia mia

che te ne vai via

coi grilli nella testa te ne vai via

Lo sai se era davvero

dove volevi arrivare

oppure è solamente

dove sei arrivata

porte chiuse alla consolazione

porte chiuse alla consolazione

Con le parole dici una cosa

col tono ne dici un’altra

non ti basta quello che

ti abbiamo dato noi

nasci, muori, in mezzo, la vita

nasci, muori, in mezzo, la vita

E babbu, babbu

nel cielo sia

e tu, figlia mia

che te ne vai via

te ne vai via, te ne vai via

Tuo babbo se comandava

era perché lo lasciavo comandare

nel cielo sia