testo PIANURA DI SALE

PIANURA DI SALE

(N.Pisu/N.Pisu)

 

Fra la notte e il cielo c’è una sola ragione

e una luna pallida che dice il sentiero

fatto di reti, di boe e scogliere

di perle che non sai dove le metti

Tuttu inturnu au pasculu de mò

e munti féeti de unde e munti féeti de unde

e munti féeti de unde e munti féeti de unde1

Tra la sabbia e il mare c’è un disegno, una scritta

e al largo una barca che galleggia sul sale

braccia di uomo, di pescatore

pelle bruciata che mai va a fondo

Cassan sctisse de süu

da a frunte du pescau, da a frunte du pescau

da a frunte du pescau, da a frunte du pescau2

Pezzi di vetro, bottiglie e messaggi

si fermano a riva, poi tornano indietro

il pescatore al timone, il mare sul posto

la moglie sul letto e la luna in amore

U l’ea turnau in cà pe fâ l’amù

e durmì fra i tetin e l’amé e durmì fra i tetin e l’amé

e durmì fra i tetin e l’amé e durmì fra i tetin e l’amé3

Ora fuori dal mare, aspettando la tempesta

sulla riva tabarkina, sempre a pescare

a guardare i pesci grossi ingoiare i più piccoli

come gli uomini ingoiati dai cipressi

Quande u mò u sau culliò

bugna fürtügna au pescau, bugna fürtügna au pescau

bugna fürtügna au pescau, bugna fürtügna au pescau4

 

Trad. dal dialetto tabarchino:

1Tutto intorno un pascolo di mare e monti fatti di onde

2Cadono gocce di sudore dalla fronte del pescatore

3Voleva rientrare a casa per far l’amore e dormire fra i seni e il miele

4Quando il mare lo ingoierà, buona fortuna al pescatore