testo CHENTU CANES

CHENTU CANES

Liberamente tratta da “La leggenda di Redenta Tiria” (Adelphi2005di Salvatore Niffoi

(N.Pisu/N.Pisu)

 

Gira la musica a Chentu Canes

gira nel piatto del giradischi

qualche anima che applaude e tanti fischi

Gira la miseria a Chentu Canes

dentro quel circo con poca felicità

nei righi del pentagramma di raggi di sole

suonano le note di una vecchia canzone

I gatti spanciati a Chentu Canes

lasciano volare gli uccelli al cielo

che si portino lontano quel belo

Una chitarra a pezzi a Chentu Canes

nel mondezzaio della povertà

corde che vibrano oltre le dita

cercando le corde di bronzo della vita

Scende la notte a Chentu Canes

mangiando le sagome col suo inchiostro

intingendo i sogni nel colostro

La dignità avvinghiata a Chentu Canes

i bambini corrono a piedi scalzi

cercando un rimedio contro il dolore

scavando negli occhi ciechi dell’amore