SITO WEB UFFICIALE DEL CANTAUTORE NICOLA PISU – VETRINA


I PESCATORI CHIAMANO CORDA
I pescatori chiamano corda: drizza, scotta, cima, sagola, stroppo. Sanno che assuccare è lo stesso di cazzare, ma dopo aver lascato. E nel frattempo abbisciano i pensieri ormeggiati a terra con cime e gomene. Proprio di un pescatore racconta “Pianura di sale”, la cui storia è ambientata nell’isola di San Pietro, situata a una decina di chilometri dalla costa sarda, ma dove si respira intensamente l’aria ligure e si parla la lingua tabarchina — variante del ligure parlato dagli abitanti di Carloforte e Calasetta, nelle isole dell’arcipelago del Sulcis. Ci sono echi di uomini che nel 1542 partirono da Pegli, oggi quartiere di Genova, e si insediarono sulla costa tunisina nell’isola di Tabarka, vicino a Tunisi, dove pescarono corallo e si dedicarono a traffici e commercio, sempre a servire qualcuno — come canta Dylan.