testo PANE PER AMORE

PANE PER AMORE

Liberamente ispirata a due poesie di Antoni Lai Sirboni

(N.Pisu/N.Pisu)

 

Torni solo ora

a legare montagne

a imbastire nuvole

piccola Lola

Eri, cent’anni fa

di salute cagionevole

sentivi il silenzio

il ritmo che ha

E quanti inciampi

ma cosa ne sappiamo

delle vie che hai percorso

delle frane e dei lampi

Se Dio fosse perfetto

ci avrebbe messo gli occhi

sulle dita dei piedi (*)

come un altro difetto

Le capre sui Tacchi

con l’ansia del precipizio

credon sia il cielo, non le nubi

a correre sulle corna

guardano il nastro

stando in equilibrio

sul filo che attraversa

il tempo

della vita

Torni solo ora

a mettere arte

su foglie e cemento

piccola Lola

A cucire pagine

con parole incomprensibili

geografia dell’universo

e pane per amore, pane per amore

A muovere il telaio

intrecciando fili

schivando chi ti irride

come un burattinaio

A scolpire il vento

a scacciare demoni

a impuntire stelle

per un dio disattento

Le capre sui Tacchi

con l’ansia del precipizio

credon sia il cielo, non le nubi

a correre sulle corna

guardano il nastro

stando in equilibrio

sul filo che attraversa

il tempo

della vita

Torna solo ora

a cercare il passato

tra macerie e ombre

la piccola Lola

Torna solo ora

a lenire il dolore

inquietudini e fiabe

la piccola Lola e pane per amore

La fata vola, la capra no

vola l’uccellino e la piccola Lola

e pane per amore

 

(*) Versi dello scrittore Giuseppe Cristaldi